logo coaching e benessere
6e0bcc_d1166a8d66fa409c9d1f7ef078e0e981~mv2
6e0bcc_2bfd39146d754885b3c49f93d2304bb5~mv2

Gina Lancellotti  “ Professione esercitata ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 (G.U. n.22 del 26-1-2013) Coach MCI ”

Socia n 1944  della Associazione Italiana Coach Professionisti (AICP)  Iscrizione n 17105/P Albo Tecnici CSEN Nazionale

©2023 by  COACHINGEBENESSEREGL  - TERMINI E CONDIZIONI - PRIVACY POLICY - COOKIE POLICY

 

Creato con Flazio.com

No fu per colpa di Pinochet

2023-08-14 11:47

Gina Lancellotti De La Fuentes

Romanzi,

No fu per colpa di Pinochet

Ciao a tutti!Carla sta attraversando una difficile crisi coniugale in cui decide di lottare per suo figlio in un paese lontano dal Cile come la Svezia

Ciao a tutti!

Carla sta attraversando una difficile crisi coniugale in cui decide di lottare per suo figlio in un paese lontano dal Cile come la Svezia. Una storia che viaggia su una linea temporale sottile che unisce il presente di Carla all'ombra del 1973, l'anno del golpe militare in Cile. La Svezia, un paese meraviglioso in prima linea nella protezione delle donne, diventa una trappola per Carla. Nel momento meno atteso scopre una parte del suo passato che la ferisce profondamente ma le dà la forza di andare avanti. Un segreto che ha lasciato cicatrici profonde che non possono essere cancellate.

La storia è narrata in terza persona e ha come protagonisti Óscar e Marta, una coppia cilena con quattro figli: Pablo, Andrés, Fabricio e Carla.

La trama ruota attorno alla guerra civile che ha devastato il paese negli anni '70 e come questa famiglia lo soffre e lo vive. Abbiamo tutti i tipi di situazioni, sia belle e piene di speranza che dure e molto ingiuste riguardo alla situazione.

D'altra parte, c'è la vita adulta di Carla quando decide di affrontare l'amore della sua vita e trasferirsi con lui in Svezia. Ho trovato questa trama bestiale dall'inizio alla fine. Sia per la sua realtà esistente, poiché è qualcosa che purtroppo molte donne subiscono, sia per la crudeltà che costituisce tutto ciò che Carla deve soffrire.

Tutti i personaggi sono fantastici e fondamentali in questa storia. Ho amato l'importanza che l'autore dà alla famiglia. Adriana è senza dubbio il mio personaggio preferito.

La penna dell'autore è facile e agile da seguire, con molti dialoghi che la rendono più piacevole.

Una degna conclusione di questa storia con un messaggio brutale che mi ha colpito molto.

Alba

 

https://l.instagram.com/?u=http%3A%2F%2Flinktr.ee%2Fgafasdeleer&e=AT1ZFaKD78bmJMZ4xmD4u1YCpzAdlk1v-VcdpVRbtuJDYUHvCC_xQ5HXv0XJw-ZgTnQ-dQpBmhIpIrFxbzqUbmTjFufruQDHM1bb5w

6e0bcc_99222a6363da42f486f26e99596daebd~mv2.jpeg